Insegnare e addestrare il cane a portare le fedi al matrimonio

Insegnare e addestrare il cane a portare le fedi al matrimonio
Un rubrica con i consigli dell’educatore cinofilo per il matrimonio, dai toni ironici e divertenti
 Insegnare e addestrare il cane a portare le fedi
Ink ascolta questa leggenda cinese, è meravigliosa.
Secondo una leggenda cinese, ogni dito rappresenta delle persone speciali che fanno parte della nostra vita: – Il pollice rappresenta i genitori.
– L’indice rappresenta i fratelli, sorelle e amici.
– Il dito medio rappresenta te stesso.
– L’anulare rappresenta il tuo coniuge.
– Il mignolo rappresenta i tuoi figli.
Ma ecco cosa dobbiamo fare per capire praticamente perchè la fede deve essere messa al quarto dito, l’anulare.
Unisci le tue mani, palmo contro palmo, poi unisci un dito medio all’altro facendo in maniera che essi puntino verso te.
Ora tenta di separare in maniera parallela i pollici (genitori), noterai che si separano perchè i tuoi genitori non sono destinati a vivere con te sino alla tua morte, unisci le dita nuovamente.
Ora fai lo stesso con gli indici (fratelli, sorelle e amici) anche essi si separano perchè loro se ne vanno ognuno alla ricerca del suo destino, unisci nuovamente le dita. Ora tenta di separare i mignoli (figli) anch’essi si separano perchè i figli crescono e quando possono farcela da soli se ne vanno, unisci nuovamente le dita.
Ora prova a separare gli anulari (coniuge) e ti sorprenderai quando non riuscirai assolutamente separale. Questo è dovuto al fatto che una coppia è destinata a stare assieme sino a l’ultimo giorno della vita, è per questo che la fede si usa nel quarto dito.
addestramento cane portare le fedi al matrimonio
Insegnare e addestrare il cane a portare le fedi
Io: Ink, allora, ti è piaciuta?
Ink: Sì, ma.. sei partita dalla Cina per dirmi cosa? Cioè devo sapere qualcosa? E poi, io in quale dito sarei? E io che ho le zampe?
Io: Ink, volevo solo leggerti una leggenda carina ed insegnarti a portare le fedi il giorno del matrimonio
Ink: Le Fedi? Il matrimonio? Ma quando è successo? Ma chi si sposa?
Io: si sposano tante persone, succede questo quando ci si ama molto.
Ink: allora io e te ci sposiamo?
Io: sicuramente saremo sempre legati noi due.
Ora, parliamo di cose serie. Tu sai già fare un sacco di esercizi. Ti ho insegnato un sacco di cose, ma a portare due fedi non ancora. È giunto il momento di imparare.
Immaginati di vedermi all’altare e tu con molta tranquillità, devi venire verso di me, passare tra la gente, i fiori e tante tantissime emozioni che ti circonderanno, portando le fedi nel collare o perché no, su un cuscinetto in bocca.
Ink: ma prima di arrivare da te, visto che hai parlato di fiori, posso fermarmi a farci la pipì sopra?
Io: eh magari, anche no. Qualcuno avrà avuto premura di farti sfogare bene prima vah.
Ink: ma, posso fermarmi a farmi accarezzare e salutare tipo i parenti?
Io: Ink.
Ink: va bene, ho capito, li saluto dopo. Vai avanti.
Io: bene. Qualche giorno prima le nozze, avrò premura di farti conoscere il posto, e di provare questo esercizio già in mezzo alla gente, per non farti trovare sorpreso. Il problema maggiore saranno le emozioni. Con quelle dovrai farai i conti quel giorno, ma saranno solo emozioni e sensazioni positive.
Ora. Passo dopo passo costruiremo la figura.
Se non sarai in grado di tenere un cuscinetto in.bocca, perché, conoscendoti, proveresti a ingoiarti tutto e non avremmo il tempo di aspettare che tu ci restituisca le fedi dal tuo posteriore, accanto al collare legheremo un meraviglioso pezzettino di tulle con le fedi. Dovrai abituarti ad averle appese e per questo, te le farò indossare qualche giorno prima in casa. Dopo esserti abituato alle fedi al collo, proveremo un po’ di condotta su un percorso dritto, un breve percorso Ink, quindi dovrai resistere mezzo minuto, senza andare a destra o a sinistra o ad immaginarti leprotti lungo la tua via- che vorrei evitare che un matrimonio si trasformasse in un esorcismo-.
Per aiutarti a fare una condotta decente, con un conduttore che non sono io, ti abituerò utilizzando dei premietti, che sappiamo venderesti anche tua madre, per due pezzetti di wurstel, puntandoli sotto il tuo tartufone  e cercando di camminare vicini.
Andremo infine a togliere i premietti, per avere una condotta lineare.
Ink: ma quindi quanto tempo ci vorrà?
Io: beh, diciamo che dipende dal cane. Con te? Io direi di iniziare già ora.
Ink: ma quando il prete dirà: se qualcuno è contrario..
Io: Ink
Ink: di questo ne riparleremo. Ora tira fuori i wurstel.

Segui Wedding Dog Sitter ® sui social network

Copyright © 2016 Elisa Guidarelli / All rights reserved./ Web Agency: Appost